Dernier Cavalo Venexian

 
 

Venezia, ottobre 2015 - A conclusione di questo martedì a tutto PSI (siamo partiti dall'asta di San Siro di sabato prossimo per poi dedicare attenzione alla quarta vittoria di Frankie Dettori all'Arc de Triomphe), un ultimo contributo alla causa.Quella dei Purosangue Inglesi, ovviamente: prìncipi delle corse al galoppo ma anche grandi cavalli per tutti, e per tutte le discipline equestri.

Speriamo che tutti i soggetti che andranno all'asta sabato, alla fine della loro carriera in pista, trovino una nuova casa. E non abbiamo risparmiato nulla, oggi, per cercare di farvi capire quanto possano dare questi cavalli del tutto speciali: vi abbiamo raccontato la loro storia, le esperienze di chi li usa abitualmente per il lavoro di maneggio e contemporaneamente vi abbiamo aperto uno squarcio nel loro mondo di elezione, quello dell'ippica, così glamour e faticoso insieme.Vi consigliamo anche il Gruppo Facebook Cavallo Purosangue Inglese, un covo di appassionati con tante belle storie da raccontare. 

E come ultima chicca della giornata vi abbiamo tenuto Dernier, un PSI grigio che da tredici anni vive con Nicoletta Danieli.

Dernier è molto particolare, per essere un Purosangue: parla solo dialetto veneziano e ha una sua personale pagina Facebook. Seguirla è uno spasso: racconta della sua gelosia per il collega di scuderia ("quelo maròn"), dello strano maniscalco che lo lascia "descalso" e di Nicoletta ("a poareta"!).

L'ultima parola la lasciamo proprio a lui, Dernier: e siamo sicuri che piacerà subito anche a voi, perché sa spiegare benissimo cosa è riuscito a insegnare alla sua Nicoletta.

"Me ciamo Ultimo, de nome e de fato del resto, anca quando che go fato ben, so rivà secondo. Ghe xe però un posto dove che so de esser el primo: i pensieri de la me parona (o mejo, dea persona che de mi se ocupa da tredese ani) parchè in efeti mi de paroni, no ghe ne go: so nato libero e xe par questo che me so salvà la pele. No go mai scoltà nissuni, no go mai dito “si signor” , me so sempre rifiutà de corer in testa parchè go capìo che i omeni, più che te cori, più i te fa corer e la magior parte de lori no i se merita el suor de un cavalo, figuremose el mio. A un certo punto, a furia de dir de no, go pensà che sarìa finìo picà al ganso del becher ma no go mai molà finchè la xe rivada ea. Povareta, la gera piena de bele intension ma no a gera proprio bona da gnente. Tra mi e ea però no so chi gavesse la testa più dura e più la insisteva manco ghe ne vegnevimo fora. 

A ghe ne xe vossuo a farghe capir cossa che vol dir montar su un purosangue grigio delicato e elegante come mi! Ala fine però posso dir che la gà imparà la pasiensa, el rispeto e la finessa. Oncuò, grassie a mi, la xe bona de convinser qualsiasi cavalo a lavorar par ea, sensa costrission e sensa cativeria. Ghe gò insegnà che per aver bisogna domandar, ma co creansa e visto che el compito de noialtri “bestie” xe queo de giutarve a cresser come omeni, dirìa che no go fato mal. 

Se anca voialtri si ala ricerca de deventar mejo de queo che sé, alora andè e portè a casa un purosangue: no podarè mai più desmentegarve de lu e lu, de voialtri."


 

 

Ciò che l'insegnante è, 

è più importante 

di ciò che insegna. 

(Kierkegaard)

 

Contatti

Nicoletta Danieli Veneto e Lombardia 3478569426 stelladeiventironcade@gmail.com
To Top